Suggerimento: “Klitschko”, il film

Per me, da vedere.

Perché racconta una bellissima storia d’amore tra fratelli. Il fatto che entrambi siano, contemporaneamente, detentori del titolo di campione del mondo dei pesi massimi (Wba, Wbo, Ibf e Ibo per Wladimir, Wbc per Vitali) la rende assolutamente unica.

Mi piace perché è una storia vera. Mi piace perché se questi due vengono percepiti come robot, di solito, finalmente queste immagini restituiscono loro la passione, la dedizione, il calore, il talento che dovrebbe essergli sempre riconosciuto.

Vitali che dice al fratello ormai grande “I nostri genitori mi hanno detto di prendermi cura di te da bambino, e non mi hanno ancora detto di smettere“, le immagini dell’uno e dell’altro a bordo ring mentre il consanguineo è a pochi metri di distanza al centro dell’azione, commuovono. Almeno me.

Ci vuole coraggio per dire al proprio fratello di andarsene via perché disturba, quando fino a quel momento hai diviso con lui ogni momento della tua vita. Ce ne vuole per toccare sportivamente il fondo, essere bollato da tutti come un perdente e diventare un campione, come ha fatto Wladimir. Il campione, anzi, visto che sembra ormai intoccabile.

Serve un gran cuore per combattere battaglie perse una dietro l’altra nei meandri della politica in Ucraina, accettare questa sfida mettendoci la faccia e talvolta il corpo, sapere di essere forse impotente di fronte a logiche diverse, magari perderla sempre ma non smettere mai di credere che la lotta sia giusta. E tornare dopo anni, e un ritiro dovuto a un grave infortunio, per riprendersi una cintura lasciata senza combattere. Come ha fatto Vitali.

Serve un gran carattere per resistere alla dura disciplina di un padre militare quando il mondo era ancora quello dell’Ovest contro l’Est in tutti i campi, quando il mondo era quello di Chernobyl. E quel padre – con spirito di sacrificio – accetterà il suo destino di esporsi a quella contaminazione, ricavandone un cancro che lo ha portato alla morte l’anno scorso. E serve il doppio del carattere per resistere alle tentazioni e alla voglia di cambiare, una volta usciti dall’Ucraina e scoprire che il mondo, là fuori, non sembrava poi così male come era stato descritto.

Serve un orgoglio incredibile per riproporsi sul ring dopo le sconfitte orribili riportate da Wladimir Klitschko contro Sanders e Brewster. Servono due palle così per continuare a combattere come ha fatto Vitali contro Lennox Lewis, finché non lo fermarono con una ferita spaventosa sopra l’occhio sinistro.

Serve un amore infinito per prendere un cellulare in mano e chiamare la mamma appena l’incontro è finito. E per chiedere a lei come sta.

Servono pugni devastanti per battere tutti gli avversari possibili. Serve un gran senso dell’ingiustizia per dire che è colpa di questi due meravigliosi uomini se i pesi massimi e la boxe sono in crisi, come se vincere sempre dominando fosse una colpa.

Per me, il regista Sebastian Dehnhardt ha fatto un bel lavoro nel cercare di raccontare tutto ciò.

Pietro

Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: