Archivi tag: cantù

Gianluca Basile & “Tiro Ignorante” (ENGLISH)

(from “Euroleague Basketball Magazine“, Season 2, Show 11)

Ignorance is bliss.

Don’t worry, we are still referring to basketball because EA7 Emporio Armani veteran guard Gianluca Basile trademarked his “own” shot calling it the ‘Tiro ignorante’, which means the ‘Ignorant shot’.

He usually tries this shot not only when his team needs three more points but also when everybody needs a boost of energy.

Generally in basketball it is a team effort that produces the basket be that a pass or penetration. Instead of which, you invent this shot all by yourself. I would not really recommend it because it is a bit stupid and you risk an air ball. You shouldn’t really try it“.

Basile became a legend in Italy, both with his previous club Fortitudo Bologna and the National Team, because of his amazing decisive shots.

A lot of it is down to work, for sure, but most of all it has to do with something called ‘instinct’.

It is impossible to train for this. You can train for other things but this shot just came out of nowhere“.

When it comes to long range shooting ability you better listen to what a player like Gianluca Basile has to say.
He has scored plenty of “ignorant shots” in his career but if he did that it is because he knows all the fundamentals of the game by heart.

When you are on the floor you know where the basket is. You don’t have to look for it, all it takes is a millisecond to look up and you know where it is. In the end it all comes down to skill“.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Faccio contento Beppe Nigro

E così ecco i pronostici per la Coppa Italia di basket (fatti alle ore sedici e trendadue minuti di giovedì sedici febbraio duemiladocici):

Siena, Milano.
Venezia, Cantù.
Siena, Venezia.
Siena.

Ciao,

Pietro

(Le partite le trasmettono su La7d e La7.it. Tutte tranne la seconda semifinale e la finale, che vanno su La7)

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

SIENA, CANTU’, L’ITALIA, L’EUROPA E LE ENERGIE

Ammirato dalla devozione con cui Pietro ha approcciato la nuova avventura-blog con una prima giornata di intensa produzione, e onorato di essere stato invitato a contribuire, esordisco e provo a metterci del mio con una delle classiche chiacchiere da bar sport: il doppio impegno settimanale.

La sparo subito: complimenti a Siena e a Cantù per il modo in cui lo hanno gestito fin qui, regalando ai loro tifosi e agli appassionati serate epiche in Europa, attingendo a quelle energie (fisiche, ma direi soprattutto nervose) che hanno risparmiato in campionato, fregandosene di non fare una stagione da record in Italia.

Siena ha visto negli anni scorsi quanto il cannibalismo italiano possa erodere energie che le avrebbero fatto comodo in Europa, per quanto già l’hanno scorso abbia esibito una prova di maturità nella gestione del tutto. Fare bene sia di qua che di là è impossibile o quasi, può capitare piuttosto di fare molto male sia di qua che di là (vero Milano?).

Sia chiaro, se io adesso ponessi la questione a Pianigiani o Trinchieri sono sicuro che mi guarderebbero come se gli avessi offeso il congiunto più caro. Capisco che scegliere le partite non è il messaggio migliore da lanciare a gruppi a cui chiedi continuamente di non mollare un possesso. Vorrà dire allora che sarà un processo inconscio, lo accetto, ma non ditemi che non succede: lo dicono i numeri.

Nel 2012 Siena ha perso tre delle sei partite di campionato giocato, oltre al fatto che le cinque sconfitte fin qui sono già il massimo stagionale da che c’è Pianigiani in panchina. Cantù poi è dall’inizio dell’Eurolega che tiene una media di poco superiore al 50% di vittorie in campionato: ha perso due delle ultime quattro partite, cinque delle ultime undici e sette delle ultime tredici: l’anno scorso ne perse otto in tutta la regular season.

Due squadre che in campionato hanno accettato l’eventualità della sconfitta più di quanto il loro status di top team potesse concedere loro, senza perdere il capo o aprire crisi, vivendo cadute inaspettate con la rabbia di chi non vorrebbe mollare niente ma anche con l’intelligenza di capire quello che è più importante.

Non ce ne vogliano Caserta, Pesaro o Venezia che hanno battuto la Montepaschi o Casale, Montegranaro e Sassari che hanno battuto la Bennet: senza questo cambio di mentalità, forse le loro imprese non ci sarebbero state, o almeno non tutte. Quanto ha pagato Siena? Comunque oggi è prima. Non ha già vinto la regular season con un girone d’anticipo, pace. Quanto ha pagato Cantù? Comunque oggi è terza a -4 da Siena e a -2 dal secondo posto. Alla seconda di ritorno un anno fa era comunque terza a -2 dal secondo posto e il primato era ancora più lontano, 8 punti.

D’altra parte l’equilibrio è sottile: ci vuole una dose notevole di maturità per vivere le sconfitte evitando che intacchino quella mentalità vincente che si lavora ogni giorno per consolidare. Probabilmente ci si arriva non dico alla fine di un ciclo, ma insomma quando la vita di un gruppo è a un punto tale che non c’è più da preoccuparsi della costruzione ma delle rifiniture.

Forse non lo decidono gli allenatori, che non possono lanciare messaggi sbagliati, ma lo decidono il fisico e a volte la testa dei loro giocatori più esperti: alcuni hanno già vissuto queste situazioni. Ma se oggi Siena e Cantù “vedono” l’ingresso tra le prime otto d’Europa e non sono visionarie a immaginarsi un percorso per entrare tra le prime quattro è anche grazie a questo.

Beppe Nigro

Contrassegnato da tag , , , , ,